Ashadi + Sindel duo by Elena Farricella

Grazie all’artista Elena Farricella per questo bel tributo alle due “signora Vonatar” disegnato al BeComics di Padova!

Ashadi e Sindel schiena a schiena
Annunci
Pubblicato in Artwork | Contrassegnato | Lascia un commento

Combatti al torneo di Darkwing del Modena Play, conquista l’Armatura della Viverna e copie omaggio! Posti limitati

Tra le prossime tappe del tour promozionale di quest’anno, il Play! di Modena, festival dedicato al gioco di ruolo, sarà una delle più importanti per la saga di Darkwing e per i suoi lettori.

Innanzitutto come e dove trovarci. Parteciperemo per la prima volta con il nome di Cencini’s Books, un’etichetta indipendente che raccoglierà tutti i nostri prodotti. Ci troverete in fiera in un’area che prenderà il nome di Quadrilatero dei Librogame. Esatto, non è una bellissima notizia? Il Play dedicherà quest’anno per la prima volta un’intera area della fiera alla rinascita del genere!

Nel Quadrilatero sarà possibile provare dal vivo diversi giochi con la diretta supervisione degli autori, chi vuole potrà quindi sperimentare il sistema di gioco innovativo basato sulle arti marziali che ha reso la serie dei librogame di Darkwing popolare già dalla sua prima uscita. Gli autori saranno presenti per rispondere a tutte le vostre curiosità e realizzare dediche sulle copie. Ma le novità non finiscono qui.

Il Modena Play! infatti ospiterà un evento molto speciale dedicato alla saga di Darkwing: il primo vero torneo di gioco di ruolo basato sul Radiant Game System.

I giocatori potranno partecipare con il loro Wyvern affrontando una serie di scontri a colpi di dadi a eliminazione diretta contro gli altri giocatori. Nella migliore tradizione dei Solar, il vincitore del torneo riceverà in premio un Oggetto Speciale davvero unico, la potente Armatura della Viverna da utilizzare nel gioco. Ed ecco la sua storia.

Questa preziosa armatura Radiant ispirata all’aspetto di una viverna è stata ritrovata in un sito archeologico risalente alla Guerra dei Sette Occhi. Si ritiene che abbia oltre 2400 anni e che sia appartenuta a uno degli antichi guardiani draconici della cittadella di Nuova Aeon.
E’ stata forgiata con una tecnica di lavorazione oggi sconosciuta, in una lega che gli studiosi non sono riusciti a identificare. Si ritiene che contenga oro, platino, iridio e altri metalli rari inclusa perfino una piccola quantità di ethernium, il metallo divino di cui sono fatte le armature dei Grandi Maestri Solar.
Questa armatura può potenziare in modo notevole l’aura di qualunque radiante. Sui bracciali sono montate due spade da polso a lama bilaterale che fungono da paracolpi in grado di ruotare frontalmente per essere usate come armi di offesa. L’armatura può inoltre trasformarsi in un braccialetto per essere trasportata comodamente dall’utilizzatore quando non viene indossata e adattarsi alla razza e al sesso di chi la usa, arrivando perfino ad alterare il colore della propria smaltatura per assecondarne la volontà. Come per le Armature Sacre, stabilisce un legame particolare col suo legittimo possessore, che è l’unico a poterla utilizzare.
Nonostante sia molto antica, è ancora pienamente funzionante e più di un guerriero ha provato a reclamarla, così i Solar hanno deciso di indire un torneo per trovare tra i loro ranghi un degno custode di questo raro manufatto, quasi paragonabile per i suoi poteri a una Sacra Armatura.

Il vincitore del torneo riceverà un attestato con le statistiche complete di questo Oggetto Speciale e il diritto ESCLUSIVO di usarlo in tutte le sue campagne nei librogame di Darkwing. Riceverà inoltre una copia omaggio con dedica del Manuale di Gioco e de La Caccia per metterla subito all’opera!

Il secondo classificato riceverà una copia omaggio con dedica del Manuale di Gioco con il regolamento completo.

Tutti i partecipanti riceveranno inoltre un Souvenir creato appositamente per l’evento da aggiungere al proprio scaffale dei “collectibles” nella scheda del librogame.

Il torneo si svolgerà nella giornata di domenica 7 aprile dalle ore 15.30. La partecipazione è gratuita, ma è necessario iscriversi online o direttamente in fiera al nostro stand fino a esaurimento posti.

Per leggere il bando completo con le istruzioni su come partecipare, cliccate qui.

Per compilare il modulo d’iscrizione, cliccate qui.

Pubblicato in Annunci, Artwork, Contest, Eventi e interviste | Lascia un commento

Il tour promozionale del 2019

icon-checkbox-checked9-10 febbraio: Rita Micozzi al Bologna Nerd – Artist Alley

icon-checkbox-checked16-17 febbraio: Fermo Forum

icon-checkbox-checked23-24 marzo: BComics Padova – Artist Alley

icon-checkbox-checked31 marzo: Everlasting Festival a Cinecittà World (Castel Romano)

icon-checkbox-checked5-7 aprile: Modena Play con EVENTO LIBROGAME

icon-checkbox-checked13-14 aprile: Venezia Comics

icon-checkbox-checked11-13 maggio: Teramo Comix

icon-checkbox-checked14-16 giugno: Cavacon

29-30 giugno: Chimera Comix

Pubblicato in Annunci, Eventi e interviste | Contrassegnato | Lascia un commento

La Caccia – Recensione di Librogame’s Land

C’è stato un grande e minuzioso lavoro dietro a quest’opera. Una storia avvincente e un libro molto bello da leggere e da guardare.

Voto complessivo: 8/10 – Librogame’s Land

Librogame’s Land, la principale community italiana dedicata ai librogame, ha pubblicato un’approfondita recensione de La Caccia, sottolineando in particolare la vasta giocabilità del titolo. Clicca qui per leggerla.

Pubblicato in Recensioni | Contrassegnato | 1 commento

Darkwing La Caccia – Guida ai Souvenir

Ne La Caccia ci sono molti Oggetti Speciali da conquistare. Alcuni di essi sono dei collezionabili che formano una categoria a parte, i Souvenir! Vediamo come ottenerli, uno per uno.

ATTENZIONE, il seguente articolo contiene spoiler sul titolo Darkwing – La Caccia! Consigliata la lettura solo se avete già giocato il libro fino alla fine.

Mano Marchiata

Chi ha letto La Freccia d’Oro avrà intuito che quella che ne La Caccia viene chiamata semplicemente Mano Marchiata non è altro la mano di Skalda, la matriarca suprema dei mousekad che è stata marchiata da Vonatar come una dei suoi generali. La mano le viene staccata da Xan, l’allievo di Selva, durante la battaglia sul promontorio, prima che questi venga rapito dal nemico.

Quest’oggetto è molto facile da ottenere, infatti si trova nella main quest e lo riceverete automaticamente poco dopo aver trovato Selva. Quando lo prendete però – sempre che non vi faccia troppa impressione per tenerlo – sarà soltanto uno Oggetto Speciale senza alcun uso pratico, per trasformarlo in un collezionabile dovrete portarlo al negozio di Ergo il Magnifico e farlo impagliare per 5 corone, ATTENZIONE se non lo fate non varrà come Souvenir!

Sveglia programmabile Teraskar

Questo simpatico aggeggio (reminiscente della sveglia-Balrog che Peter teneva sul comodino a casa sua sulla Terra) può essere acquistato per 5 corone presso il negozio di Ergo il Magnifico, basta dare un’occhiata alla merce in vendita, la Sveglia sarà in fondo alla lista.

Miniatura di Brokentower

Il modellino della Torre di Brokentower può essere acquistato per 2 corone dalle bancarelle del Mercato di Deras Lamantir.

Medaglia del Mercenario Misterioso

Questo Souvenir può essere ottenuto al Bordello. Basta ricevere una prestazione da Amara travestita dall’eroina di Deras Lamantir, nel dialogo seguente ve lo regalerà.

A vostra insaputa (a meno che non abbiate letto La Freccia d’Oro e abbiate occhio per i dettagli) il Mercenario Misterioso a cui apparteneva la medaglia è lo stesso Peter, che in passato ha frequentato Amara e le ha regalato questa medaglia al valore ottenuta durante la battaglia di Corladan, ovvero proprio quella che vi ha messo sulle sue tracce.

Corno dei Blacktower

Questo Souvenir è più laborioso da prendere. Può essere ottenuto in due versioni: in originale, o come riproduzione.

Per prima cosa occorre frugare tra le macerie di Brokentower quando si esce dalla chiesa durante la prima mattinata che passate a Deras Lamantir, lì troverete i cocci del famoso corno di famiglia dei Blacktower.

Il passo successivo è andare al negozio di Ergo, che per la non tanto modica cifra di 40 corone lo riporterà alla sua antica gloria.

A questo punto potete tenervi il corno originale così com’è; se volete farne un Souvenir, avrete un oggetto storico di grande valore. Tuttavia sarà per voi molto più vantaggioso completare la side quest e riconsegnarlo a Ronan in quanto il condottiero vi offrirà una lauta ricompensa e a fine avventura vi vedrete recapitare al monastero una perfetta riproduzione dell’oggetto che vi varrà come Souvenir esattamente come l’originale. Ci vorrà solo un po’ più di pazienza.

Per ottenere la ricompensa dovrete concludere il giro di Deras Lamantir, superare la missione di Repentus (qui una guida su come accedervi se per sbaglio l’avete mancata) e accedere all’Ospedale al momento del ritorno. Una volta entrati in Ospedale dovrete raggiungere la stanza di Ronan e parlargli (se non avete scoperto il numero durante il vostro giretto in città, basta chiedere all’infermiera di turno). In cambio del suo cimelio di famiglia Lord Blacktower vi consegnerà seduta stante 200 corone che potrete tornare a spendere in centro prima di rientrare al quartier generale. In questo modo perderete il Souvenir, ma solo temporaneamente in quanto Ronan vi invierà in regalo una copia del Corno se terminerete la campagna con il finale positivo. Da notare che in caso otteniate invece il finale oscuro, avrete il Souvenir del Corno solo se avrete tenuto con voi l’originale.

Pupazzetto del Demogorgone

Il Pupazzetto del Demogorgone è la miniatura di un mostro che Solitario usa per giocare al suo board game preferito, Carceres et Dracones. Questo Souvenir è una citazione alla famosa serie TV Stranger Things e allo stesso tempo a Dungeons & Dragons (che in latino si traduce appunto Carceres et Dracones), perciò lo possiamo definire il collectible da nerd per eccellenza!

Per ottenere questo oggetto sono necessarie due condizioni: che la Stima di Solitario sia positiva, e aver completato la medaglia Stranger Things.

Per avere Stima positiva da parte di Solitario occorre curare Saerek durante la ricerca di Selva, se riuscite a far sì che quando arrivino i soccorsi Saerek sia stabilizzato e fuori pericolo Solitario vi ringrazierà rilasciandovi un cuoricino. Questo sarà possibile solo se avrete successo nei passaggi necessari a stabilizzare il ferito, un kit medico o una tecnica di cura vi saranno di grande aiuto. Attenzione perché questa è l’unica occasione in tutto il libro per ricevere un cuoricino da Solitario, perciò se la mancherete o riceverete Stima negativa dall’aviano ingannando Saerek in chiesa non avrete la possibilità di ricevere il Souvenir.

Il secondo step è parlare con Solitario durante la vostra seconda permanenza in chiesa, il passero vi inviterà a giocare. In questo modo otterrete il primo grado nella medaglia Stranger Things che vi è indispensabile.

Potrete completare la medaglia Stranger Things automaticamente nel finale positivo, al vostro risveglio nell’infermeria di Nerys. Se avrete soddisfatto entrambe le condizioni, Solitario vi lascerà il Demogorgone in regalo sul comodino, da usare nelle vostre future partite insieme.

Disegno di Melissa

Otterrete questo collectible salvando la piccola Melissa dallo scantinato allagato della sua casa, nella Zona Rossa di Deras Lamantir. Per riceverlo dovete ottenere il finale positivo. Il disegno sarà tra i doni dei vostri fan, sul comodino accanto al letto in infermeria.

Velo di Asoka

Se avete ottenuto la massima Stima da parte di Asoka, la medaglia Mille e una notte e la xaeling sarà sopravvissuta fino alla fine, riceverete il suo velo in dono al vostro risveglio in infermeria al termine della campagna. E’ necessario ottenere il finale positivo per ricevere questo Souvenir. Per una guida completa su come romanzare Asoka vi rimandiamo alla Guida alla Seduzione.

Peluche di Zecca Gigante

Per poter abbracciare questo mostriciattolo morbidoso ci sono diverse condizioni da soddisfare.

Il Peluche è un regalo della vostra amica Tyssa, quindi potrete riceverlo soltanto se Tyssa è sopravvissuta fino alla fine, se l’avete salvata dall’attacco della zecca nella piscina del centro termale e se avete terminato la campagna col finale positivo. E’ inoltre necessario che Tyssa si sia ripresa dall’attacco della creatura (in caso contrario sarà in coma) e che la sua Stima sia positiva (in caso contrario vi dovrete accontentare di un biglietto).

A seconda della piega presa dalla partita potrebbe non essere possibile soddisfare tutte queste condizioni, dato che Tyssa può morire sia per mano di Erin – ciò avverrà in caso non abbiate completato la ricerca del Guardiano – sia per colpa della zecca. Assumendo che Tyssa sopravviva fino al momento in cui viene attaccata, dovete riuscire a salvarla in buona salute o non riceverete il peluche.

Se pattugliate le vasche insieme a lei durante la perquisizione del centro termale, attenti a non dirle di scendere nell’acqua sporca al posto vostro o riceverete un cuoricino spezzato e di conseguenza non potrete ottenere il Souvenir. Tyssa scenderà comunque al posto vostro per evitare che le vostre ferite si infettino.

Da notare che non è possibile ottenere questo Souvenir se non si è completata la ricerca del Guardiano, perché in quel caso non potrete scoprire Erin in tempo per evitare la morte di Tyssa.

Cartolina di Zabet

Se avrete ottenuto da parte di Zabet una Stima di +2 o superiore e il finale positivo, la guaritrice v’invierà una cartolina con un prezioso indizio per scoprire il suo nome spirituale. La troverete al vostro risveglio in infermeria. Per una guida completa su come ottenere la Stima necessaria (e l’altro indizio) da parte di Zabet vi rimandiamo alla Guida alla Seduzione.

Pubblicato in Guide librogame | Contrassegnato , | Lascia un commento

Lyse summer by Rita

D’accordo, è dicembre, ma quale modo migliore per combattere il freddo che tuffarsi in una calda spiaggia assolata dei tropici?

Il merito di questa splendida illustrazione va alla nostra Rita Micozzi che, ve lo segnaliamo, ha anche aperto la propria pagina Facebook da artista. Mipiaciatela!

Pubblicato in Artwork | Lascia un commento

Auguri di Sindel by Valaheri

Auguriamo ai nostri lettori buon Natale e buon 2019 con questa sexy fanart di Sindel realizzata per noi dalla simpaticissima disegnatrice Valaheri! Nekralegh ti ashar, sudditi devoti.

Pubblicato in Artwork | Lascia un commento

Offerta di Natale: La Caccia + Kemet

Offerta Natale Darkwing La Caccia + Kemet €35

Ordina subito tramite il modulo Contatti, il gruppo o la pagina Facebook Il Mondo di Darkwing richiedendo l’offerta natalizia! Valida fino a esaurimento scorte.

L’offerta scadrà il 6 gennaio.

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato | Lascia un commento

Darkwing La Caccia: Guida alla seduzione

Vai alla sezione Gamebook

ATTENZIONE, il seguente articolo contiene spoiler sul titolo Darkwing – La Caccia! Consigliata la lettura solo se avete già giocato il libro fino alla fine.

Nel librogame La Caccia è possibile instaurare relazioni romantiche o sedurre vari comprimari. In questa guida vedremo quali, e sopratutto come fare per conquistare le attenzioni di tali personaggi!

Per prima cosa va chiarito che “romanzare” un personaggio non significa semplicemente portarselo a letto ma instaurare con quel personaggio un rapporto dai contorni romantici. Questo può avvenire anche in assenza dell’atto fisico, o viceversa, ci sono casi in cui ottenere un rapporto con un personaggio non significa averlo sedotto in senso romantico. Un personaggio è considerato “romanzato” quando nel libro compare l’Evento “Hai sedotto (nome del personaggio)”. Questo è possibile solo per una rosa limitata di personaggi; se è lo svago che si cerca, visitando il bordello si potrà accedere a un numero di partner non romanzabili decisamente più elevato. Da notare che sedurre un personaggio non esclude che si possa fare lo stesso con un altro o, se siete delle vere e proprie macchine dell’amore, anche con tutti quanti. Sempre che le altre vostre “conquiste” non abbiano qualcosa da dire al riguardo!

In questo libro i personaggi romanzabili sono tre: Lucien, Asoka e Zabet. Vediamoli uno alla volta.

Lucien

Caposcuola Lucien

Romanzabile da: donne (più facile), uomini (più difficile)

Generoso e alla mano, il Caposcuola Lucien è relativamente facile da romanzare a patto che si capisca da subito il suo carattere devoto. Se lo si vuole sedurre, basta ricordarsi che Lucien è un personaggio eroico: crede profondamente nella sua missione di Solar e stima chi dimostra di prenderla altrettanto sul serio, inoltre è molto religioso e non reagisce bene nei confronti di chi lo prende in giro per il suo bisogno di pregare o si comporta da sbruffone; anzi, è attratto da personaggi altrettanto devoti, infatti possedere il talento Pio è di enorme aiuto per irretirlo. Per ottenere la sua Stima è sufficiente comportarsi un po’ come lui, cosa che può essere molto facile per alcuni e molto difficile per altri a seconda del carattere di Wyvern nella singola partita. Di solito è un personaggio con cui si finisce per avere un rapporto ottimo oppure pessimo senza troppe vie di mezzo.

Per sedurre Lucien occorre avere un punteggio minimo di Stima di due cuori se siete donne o di tre cuori se siete uomini. Non è difficile ottenerlo perché Lucien (se preso per il verso giusto) rilascerà Stima in modo costante e perfino in quantità abbondante. Ha un animo puro e a tratti ingenuo, quindi se giocate bene le vostre carte si lascerà sedurre chiunque voi siate fregandosene impunemente dimenticando per un attimo perfino i suoi voti di castità e il suo rango superiore.

E’ possibile ottenere un cuore già durante il vostro primo incontro dando la risposta “Sono in missione, ma ho prestato voto di segretezza. Se volete saperne di più dovrete chiedere alla Grande Maestra Selva.” (assertivo). Questa presa di posizione che farebbe irritare la maggior parte dei superiori dimostrerà invece a Lucien che siete persone serie e per questo vi rispetterà immediatamente. Per avergli dato questa risposta vi donerà inoltre una magica Spada di Valora che vi sarà di aiuto contro gli abomini e, se vorrete tenerla, vi darà maggiori probabilità di farlo rinsavire nella parte finale. Otterrete invece un punto di Stima negativa dando la risposta sarcastica.

La mattina del giorno dopo, quando vi trovate nella cattedrale con i Solar feriti, potrete ottenere un secondo cuoricino da parte sua semplicemente fermandovi a pregare di fronte all’altare (par. 646). Qui se possedete il talento Pio potrete far prendere a tutta la situazione una svolta decisamente più mistica ottenendo immediatamente un altro cuore extra da parte di Lucien.

Durante la missione di Repentus, è possibile ottenere un cuore da Lucien unendosi alla squadra Sigmar. Una volta sfondato il portone della banca, bisogna rispondere a Repentus “Allora prega di averne versato abbastanza, perché stai per incontrarlo.”. Lucien approverà.

A seguire, dopo essere tornati alla cattedrale e aver ricevuto da Selva una nuova missione, è possibile parlare con vari personaggi tra cui Lucien andando al paragrafo 179. Qui basta dirgli “Oggi è stato bello combattere al tuo fianco.” per ottenere un cuoricino e un’uscita un po’ piccante, attenzione però, perché dicendogli “Ma non la smetti mai di pregare?” (ironico) si otterrà subito un cuoricino spezzato che sarà difficile recuperare e potrà fare seri danni nella parte finale.

Non rivedremo Lucien che nel finale, quando sta per uccidere Valente dopo essere stato condizionato dal Sole Oscuro. In questa parte la Stima che si è instaurata tra voi determinerà l’esito della partita e la sua stessa sopravvivenza. Rimandiamo l’analisi di questa situazione, molto complessa, a un tutorial dedicato e concentriamoci sull’esito. Può finire in tre modi: Lucien muore, Lucien sopravvive ma resta sconvolto, Lucien sopravvive e grazie a te si libera completamente dal condizionamento ricevuto.

Sarà possibile “concludere” il romancing solo in quest’ultimo caso perché nel primo Lucien è, beh, morto e nel secondo vi verrà a trovare in ospedale ma sarà troppo sottosopra per pensare all’amore (vi rilascerà comunque un cuoricino, per riconoscenza). Se invece siete stati così abili da liberarlo dall’incantesimo, nella parte finale potrete scegliere se tentare di baciarlo oppure separarvi da amici. A questo punto tutto dipenderà dal vostro punteggio di Stima e dal vostro sesso. Lucien cederà alle vostre avances più facilmente se siete una donna (basteranno due cuori) mentre servirà il punteggio massimo per sedurlo se siete uomini. Se oltre a soddisfare questi requisiti avete un grado nella medaglia Pace in Terra (che si ottiene pregando con lui nella cattedrale) otterrete un finale eccezionalmente romantico, con medaglie e un altro cuoricino. Se invece non soddisfate i requisiti di Stima, Lucien si tirerà indietro mettendovi nella friendzone ma prometterà di frequentarvi in futuro, quindi può darsi che avrete un’altra occasione con lui più in là.

Da notare che in caso si lasci baciare in versione normale, Lucien reagirà diversamente a seconda del vostro sesso e della vostra razza. Lucien preferisce le donne e non sa ancora di essere potenzialmente bisessuale quando voi ci provate, per questo reagirà con imbarazzo se siete maschi, jinder o appartenete a una razza antropomorfa, ma in ogni caso si lascerà intortare e vi rilascerà un altro cuoricino coronando il vostro successo.

Asoka

Romanzabile da: chiunque

Asoka è una bellissima prostituta xaeling di origini sherazadiane. Potete incontrarla al bordello di Lady Rose. E’ possibile andarci a letto senza romanzarla, ma non il contrario. E’ disponibile per personaggi di qualsiasi tipo senza restrizioni: uomini, donne, antropomorfi e pure cassapanche. Insomma non è un tipo schizzinoso.

Ha la capacità psionica di creare illusioni, che usa per rendere più stimolanti le sue prestazioni e derubare gli incauti clienti che ricorrono ai suoi servigi. Inoltre possiede delle ali da libellula, una coda con un pungiglione velenoso e la capacità di assumere una Forma Nera di primo stadio. Meglio non provocarla, quindi.

Asoka è un personaggio del tutto opzionale nel libro, potete benissimo decidere di non frequentarla al bordello e poiché questa area è facoltativa, se decidete di non visitarla potreste concludere la campagna senza nemmeno incontrare questo personaggio. Tuttavia frequentare Asoka ha delle ripercussioni molto importanti sulla trama e non solo per quanto riguarda la scelta dei personaggi da romanzare. Anche gli esiti di questa frequentazione sono moltissimi e vanno dalla sua morte all’indifferenza all’odio reciproco all’amicizia fino alla possibilità di una storia di passione vera e propria con un retrogusto di redenzione per il personaggio. Ma concentriamoci per ora soltanto sull’aspetto romantico.

Asoka è di indole avida e infida, tuttavia non è affatto malvagia come il suo comportamento può indurre a pensare, infatti se presa per il verso giusto rivela un lato molto tenero dimostrandosi affettuosa e sensibile nonché dotata di una forte sensualità. Le difficoltà che ha affrontato in passato l’hanno spinta a diventare un’abile approfittatrice ma in realtà cerca qualcuno che la comprenda. Essendo una xaeling ha un carattere impetuoso e si comporterà con voi come voi vi comportate con lei. Questo significa che Asoka letteralmente vi restituirà quello che voi le date, moltiplicato (sempre che non si parli di soldi, quelli scordateveli, una volta che ci ha messo le mani sopra non tornano più indietro!). Per sedurre Asoka occorre quindi dimostrare innanzitutto sensibilità verso i suoi problemi e le sue particolari origini etniche e, se possibile, non piegarsi passivamente alle sue minacce, senza però mai ricorrere alla violenza.

Nel caso decidiate di incontrare Asoka al bordello, lei vi condurrà nella sua stanza dove, durante i preliminari, creerà un’illusione ipnotica di per sé innocua e piacevole, a cui potete decidere di opporvi superando una prova di Volontà non particolarmente difficile. Se non vi opponete, Asoka vi manderà via soddisfatti ma si farà consegnare tutto il vostro oro mentre siete ipnotizzati, sappiate che è un modo come un altro di uscirne perché le alternative possono essere sia migliori che molto peggiori. Infatti se decidete di ribellarvi Asoka scoprirà che siete un Solar e cercherà di ricattarvi per farsi consegnare tutto il vostro oro, ed è da questo momento che la vostra relazione prenderà forma.

Ci sono vari modi in cui far fronte alla situazione. Con il talento Seducente otterrete immediatamente una risoluzione positiva, due cuoricini e il romancing; stessa cosa se avete una tiara sherazadiana di cui farle dono, vi costerà un bel po’ ma conquisterete il suo affetto (per ottenere la tiara, dovete salvare il mercante duckling dai due furfanti in un vicolo del mercato o recuperarla in seguito dai ladri alla Pulce Sbafatrice, e ovviamente non vendere la tiara al ricettatore prima di aver incontrato Asoka!). Se cedete alla tentazione di insegnarle un po’ di rispetto potete recuperare la situazione col talento Poliglotta e sedurla comunque anche se così otterrete un solo cuoricino.

Con il talento Autoritario risolverete la situazione in vostro favore, ma otterrete Stima negativa e non sedurrete Asoka pur portandovela a letto (in effetti in questo caso non riceverete nemmeno la medaglia Mille e una notte). Se provate a insegnarle le buone maniere senza il talento Poliglotta otterrete anche in questo caso Stima negativa e vi metterete sulla strada dello scontro fisico, che può essere evitato sganciando tutto il vostro oro o con l’uso del talento Bruto, che risolverà sì la situazione, ma vi farà guadagnare un altro cuoricino spezzato decretando così che Asoka vi detesta. Non disperate però, anche se le cose sono andate così non è ancora detta l’ultima parola.

Le uniche opzioni che restano a questo punto sono superare l’incontro cedendo la borsa o combattere. In questo caso è consigliabile pagare poiché la strada dello scontro fisico non finisce bene comunque, infatti Wyvern può morire nello scontro con Asoka mentre se vince e la uccide è anche peggio perché questo causa delle serie conseguenze con perdita di equipaggiamento e di reputazione. Tra l’altro, interrogare Asoka dopo averla sedotta o pagata è uno dei modi in cui si può compiere l’obbiettivo primario di raccolta informazioni.

A meno che non sia morta, Asoka si ripresenta poi durante il meeting di reclutamento del Sole Oscuro e se vi siete frequentati al bordello vi riconoscerà (par. 192), dando a tutta questa parte uno sviluppo alternativo.

Con un punteggio di Stima positivo sarete al sicuro e Asoka vi darà informazioni, inoltre rilascerà un altro cuoricino prima di andare via. Se invece la sua Stima è neutra dovrete persuaderla a non crearvi problemi, mentre se è negativa cercherà di farvi scoprire e dovrete fare in modo di toglierla di mezzo prima che faccia saltare l’intera operazione.

Qui se non vi interessa sedurla potete semplicemente darle una sberla per chiuderle la bocca prima che parli o mettervi a gridare che è una Solar, questo la prenderà in contropiede e risolverà la situazione all’istante facendovi accedere all’incontro con Erin in modalità alto profilo. Se però non avete ancora perso le speranze, cercate di farla tacere (la violenza vi costerà altra Stima negativa, mentre baciarla vi porterà un cuoricino rendendola più collaborativa) e di portarla al tavolo delle vivande dove le offrirete da bere. Qui potrete drogarla con del sonnifero (soluzione innocua) o uscirne da veri fuoriclasse se avete acquistato al mercato nero un filtro d’amore, basterà somministrarglielo per ottenere ben tre cuoricini tutti insieme e un comportamento decisamente audace da parte sua, dopodiché Canary interverrà per metterla a nanna prima che la faccenda vi sfugga di mano.

Se invece cercate di convincerla a parole, ci riuscirete solo se Asoka non ha un’opinione troppo negativa di voi, in tal caso lascerà la riunione mentre in caso contrario si ribellerà alla vostra ipocrisia e Canary dovrà salvarvi. C’è un ulteriore scenario in cui potete pagare Asoka per tacere e andarsene, tuttavia in questo caso se la sua Stima è particolarmente bassa prenderà i vostri soldi e vi smaschererà comunque, facendovi picchiare dagli sgherri di Erin.

Dopo questo intermezzo Asoka esce di scena e non ricompare, ma se l’avete sedotta, nel finale riceverete il suo velo come Souvenir.

Zabet

Romanzabile da: Uomini, favorisce avalanci

Dei tre personaggi romanzabili ne La Caccia la Caposcuola Zabet (qui la sua scheda dalla Bibbia di Darkwing) è l’unico personaggio proveniente dalla continuity “ufficiale”, nei romanzi compare spesso. E’ una guaritrice estremamente abile, un po’ guerriera e un po’ scienziata. Si distingue per il suo amore verso la medicina e per le sue abilità organizzative.

E’ nata nel popolo barbaro degli avalanci (qui troverete un approfondimento su questa razza) ed è stata catturata dagli schiavisti da adolescente, poi liberata dai Solar, presso i quali ha studiato con profitto le arti mediche.

Zabet è il personaggio relativamente più difficile da sedurre. E’ una donna tosta e competente molto concentrata sui suoi compiti che non lascerà grande spazio ai duetti amorosi. Capitolerà solo di fronte a Jason Momoa un uomo che dimostri compassione, attenzione verso i suoi pazienti e rispetto per le sue radici avalanche. Per accendere il suo interesse bisogna cercare di indovinare il suo tokà, il suo nome spirituale, un nome segreto che ogni avalanco possiede e che essi ritengono il nome della loro anima. Attenzione però, se affrontata in modo superficiale questa ricerca può avere esiti disastrosi! Ma andiamo con ordine.

Ottenere il primo cuoricino da Zabet è facile, basta aiutarla con i feriti al momento dell’arrivo in chiesa, subito dopo la ricerca di Selva. Questo avrà diverse conseguenze positive anche su altri aspetti della campagna. Sempre in chiesa, al mattino, i personaggi col talento Canaglia potranno rubacchiare dalle sue scorte, non temete però, questo non influirà sul vostro rapporto con la guaritrice perché non si accorgerà mai che siete stati voi.

Avrete la migliore occasione di modificare la natura del vostro rapporto con Zabet parlando con lei durante la vostra seconda permanenza in chiesa (par. 31). Qui è possibile chiederle del suo tokà, ma sappiate che basterà un passo falso e Zabet si adirerà con voi e nel peggiore dei casi non vi rivolgerà più la parola. Questo perché gli avalanci vedono il nome spirituale come un’informazione estremamente personale tipo il pin del conto in banca e non lo condividono mai se non con chi considerano più che intimo. Quindi non sperate di poter scoprire il suo nome spirituale in questa sequenza perché Zabet non ve lo rivelerà qualunque cosa facciate, al massimo potreste ottenere un importante indizio per indovinarlo (ce ne sono due in tutto, l’altro si trova nel finale) ma il vero scopo qui è dimostrare a Zabet che rispettate la sua cultura.

Il testo fornisce le seguenti opzioni:

Scegli le tue prossime parole.
(Ti avvicini) “Ti va di rivelarmelo?”. Vai al 176.
Se non sei avalanco, puoi scegliere anche questa opzione:
“Trovo che sia una delle tradizioni più nobili di cui abbia mai sentito parlare.”. Vai al 328.
Se invece sei avalanco, puoi scegliere anche queste due opzioni:
“Sarei onorato di conoscerlo.”. Vai al 58.
“Ora non provare a rivelarmelo, altrimenti sarò costretto a dirti il mio.”. Vai al 597.
Se sei un uomo, hai il talento Seducente e la Stima di Zabet nei tuoi confronti è +1  o superiore, puoi andare invece al 516.

L’unica opzione “safe” è l’ultima dove, se siete un uomo, il mix di Stima e del talento Seducente vi permetterà automaticamente di strappare un esito positivo del dialogo ottenendo sia un indizio che un altro cuoricino (è il successo massimo possibile). Se non siete nelle condizioni giuste dovete tentare una delle altre strade.

Nella maggior parte dei casi il vostro personaggio non sarà avalanco, pertanto potete chiedere a Zabet di rivelarle il suo tokà o semplicemente dirle che la ritenete una nobile tradizione. La seconda opzione conduce a un esito positivo (Stima +1) mentre la prima la irriterà irrimediabilmente (Stima -1).

Nel caso che invece il vostro personaggio sia avalanco, le conseguenze saranno ben più gravi: Zabet si infurierà e perderete ben due punti di Stima, e se siete un uomo, addirittura vi rifilerà una sberla per la vostra sfacciataggine, dopodiché non vi rivolgerà la parola fino alla parte finale della campagna. Leggermente meno disastrosa è la frase “Sarei onorato di conoscerlo”, che conduce a una perdita di Stima più moderata (-1), mentre “Ora non provare a rivelarmelo, altrimenti sarò costretto a dirti il mio.” è la risposta migliore da dare per un avalanco perché permette di salvare la situazione ottenendo un cuoricino.

La vostra terza e ultima interazione con Zabet avviene al paragrafo 547, durante la battaglia con Erin. Zabet vi chiede di spogliarvi per praticare su di voi una tecnica di stimolazione. Se a quel punto le dite “non vedevi l’ora di spogliarmi” non accade nulla a parte il fatto di ricevere un grado nella medaglia Sbruffone. Se siete avalanci invece potete tentare di sedurla rivelandole il vostro nome spirituale. Anche qui ci sono diversi esiti possibili. Se la Stima di Zabet è +1, vi dirà di non rivelarglielo in quel particolare momento. Se invece la sua Stima è +2 vi permetterà di rivelarglielo e otterrete la medaglia La Regina della Guarigione (che indica che si è creato un legame forte con Zabet), un altro cuoricino e, soltanto se siete un uomo, Zabet vi darà un bacio segnando il vostro successo nel romancing.

Attenzione però, anche se non siete avalanci, non perdete del tutto le speranze perché se avete accumulato una Stima pari a +2 da parte di Zabet e ottenete il finale positivo, riceverete una cartolina da parte sua (è un Souvenir) contenente il secondo indizio sul suo nome spirituale.

Quindi non potrete in ogni caso rimorchiare Zabet in questa avventura, ma non è detto che in futuro non si possa riprendere il discorso. Specie se vi fa male da qualche parte.

Vai alla sezione Gamebook

Pubblicato in Guide librogame | Contrassegnato , | Lascia un commento

Darkwing La Caccia – Guida: come accedere alla quest di Repentus

Alcuni lettori ci hanno segnalato di aver avuto difficoltà nel librogame ad accedere alla missione in cui bisogna affrontare il necroforo Repentus e salvare le persone che ha preso in ostaggio.

Si tratta di una lunga e importante quest che si svolge nella parte centrale del libro, inserita nel filone principale della trama. In teoria superarla è obbligatorio, tuttavia è tecnicamente possibile completare il librogame anche senza averla giocata, solo che se per errore viene saltata si otterrà decisamente meno esperienza e alcuni riferimenti nella parte finale risulteranno privi di senso, oltre al fatto di saltare per errore qualcosa come 80 pagine del libro.

La mancata attivazione di questa quest non dipende da un errore del testo (che di per sé è corretto) ma semplicemente da una sua non corretta interpretazione, infatti alcuni lettori si sono confusi nel passaggio specifico che porta alla missione.

La quest si prende dal paragrafo 637, ovvero dall’Area Libera denominata Crocevia di Deras Lamantir.

Quando si torna qui dopo aver terminato l’obbiettivo principale di raccogliere informazioni sulla presenza del Sole Oscuro in città, scorrendo in fondo al paragrafo viene offerta una scelta obbligata per rientrare al quartier generale:

“Quando avrai completato i tuoi obbiettivi primari potrai riavvicinarti alla cattedrale andando al 370, A MENO CHE tu non abbia GIA’ esplorato l’area libera Ospedale; in tal caso, vai invece al 584.”

Alcuni qui sono andati subito al paragrafo 584, interpretando il testo erroneamente come se desse la scelta di visitare l’ospedale in quel momento, o forse ingannati dal fatto che prima di raggiungere questo passaggio il libro offre varie volte la possibilità di avvicinarsi all’ospedale da fuori, senza mai però consentirvi l’ingresso. Tuttavia quello che il testo sta dicendo è che se non hai GIA’ esplorato quest’area quando arrivi qui, DEVI per forza andare al 370. Da lì inizia la quest di Repentus. Nel caso invece che si sia già sbloccato l’Ospedale in qualità di Area Libera, bisogna andare, sempre obbligatoriamente, al 584.

In parole povere: “Hai già visitato l’Ospedale? No: vai al 370. Sì: vai al 584”.

Come detto sopra in realtà sbagliarsi in questo punto non blocca il progredire del libro perché proprio al paragrafo 584 verrà offerta la possibilità di visitare finalmente l’Ospedale e/o rientrare al quartier generale, cosa che avviene anche al termine della missione di Repentus, che si ricollega sempre a questo punto. Dunque è possibile saltare l’intera missione senza neanche accorgersene, salvo poi rendersi conto più avanti che manca un pezzo di storia.

Da notare che questo passaggio è scritto così perché l’Ospedale è un’Area Libera, dunque quando Wyvern si trova lì, stando al regolamento può benissimo tornare nelle Aree Libere visitate in precedenza ovvero visitare di nuovo la città allo scopo di completare le missioni secondarie lasciate in sospeso. Ne consegue che può ripassare anche dal Crocevia e, se questo paragrafo avesse rimandato direttamente alla quest di Repentus, ciò avrebbe causato un loop costringendo il lettore a ripetere la missione all’infinito. In altre parole quello che succede al momento del rientro è diverso solo la prima volta che si torna dal Crocevia. 😉

Nella versione ordinabile online de La Caccia, questo passaggio è stato reso più chiaro modificandolo in questo modo:

“Quando avrai completato i tuoi obbiettivi primari potrai riavvicinarti alla cattedrale andando al 370, a meno che tu non abbia sbloccato l’area libera Ospedale; se hai già visitato quest’area, vai invece al 584.”

Pubblicato in Guide librogame | Contrassegnato , | Lascia un commento