Divinità >

Quello di Corown è un mondo politeistico, dove più divinità si contendono il predominio attraverso le schiere dei loro fedeli. Ogni divinità desidera aumentare il numero dei propri seguaci così da estendere la sua influenza. In cambio della loro fede, gli dei offrono ai mortali la loro protezione e benevolenza nella forma di incantesimi lanciati dai loro seguaci più fedeli attraverso la Via della Convinzione.

Non molto è ancora noto sull’origine delle divinità, tuttavia è certo che si tratti di entità reali, che hanno la capacità di influenzare direttamente e indirettamente l’esistenza dei mortali. Anzi, contrariamente alle religioni terrestri dove “fede” significa “la capacità di credere in ciò che non può essere provato”, su Corown la venerazione dei fedeli si basa unicamente su prove certe e un vero e proprio sistema di scambio di benefici. Nessun corowniano infatti accorderebbe la propria devozione a una divinità senza che i chierici che ne propongono il credo offrano prima di tutto delle dimostrazioni dei suoi poteri. La fede corowniana, dunque, ha un carattere materialistico di fondo che prevale su quello metafisico.

Le divinità non si manifestano personalmente nel mondo mortale, se non in casi del tutto eccezionali come lo storico dono delle Sacre Armature ai Solar da parte di Ishtar. Questo perché manifestarsi fisicamente fuori dal loro piano di esistenza le indebolisce molto. Di solito si servono di messaggeri, che possono essere chierici (i più potenti tra loro sono i Sommi Sacerdoti o addirittura, nel caso dei possessori di Alxar, gli Eletti) o più raramente di entità gregarie appartenenti al loro stesso piano di esistenza che vengono inviate su Corown per un tempo limitato. I mortali si riferiscono spesso a queste creature come angeli, demoni o con altri nomi legati alla loro cultura. Nei casi più estremi una divinità che abbia l’esigenza di intervenire direttamente nel mondo mortale può scegliere di incarnarsi in un neonato, tuttavia le divinità non ricorrono quasi mai a questo metodo perché le lascia indifese fino al raggiungimento della maturità, quando iniziano a ricordare le loro origini e i loro poteri riaffiorano, e contemporaneamente lascia i loro domini alla mercé delle divinità rivali, e i fedeli orfani di protezione. Per arrivare a incarnarsi una divinità deve avere una ragione dannatamente buona, ad esempio trovarsi in estremo pericolo.

Agli albori della storia umana erano note solo cinque divinità, note collettivamente come “I Cinque Dei delle Origini“. Oggi, tuttavia, se ne conoscono di più, al punto che vengono classificate in divinità maggiori, intermedie e minori. Si ritiene che si tratti di entità cosmiche o extradimensionali che si sono avvicinate a Corown dopo i Cinque, o di mortali che sono riusciti ad ascendere a uno status divino.

Aspetti delle divinità

Oltre a possedere allineamenti diversi, che possono propendere verso il bene o verso il male, verso l’ordine o il caos, le divinità corowniane hanno sviluppato la facoltà di scindere il loro Essere in una o più emanazioni in grado di agire in modo indipendente. Tali emanazioni sono chiamate Aspetti.

Gli Aspetti sono stati concepiti per incarnare delle qualità specifiche di un dio. Alcune divinità hanno generato degli Aspetti semplicemente allo scopo di raggiungere una comunità più vasta di fedeli, proponendosi in una veste alternativa che ha creato un culto a sé stante, come Exus che ha generato l’Aspetto conquistatore di Ravenous e quello più neutrale di Synister, dando origine a due confessioni ben distinte di Necrofori. Tali Aspetti, pur presentando delle differenze nel loro sistema di valori, restano sotto il completo controllo dell’entità madre che può emanarli e riassorbirli a piacimento; in tal caso si parla di Aspetti coerenti. In altre divinità la scissione è più profonda, e gli Aspetti (e di conseguenza, i rispettivi fedeli) sono in conflitto tra loro, si parla allora di Aspetti divergenti. Taag in particolare soffre di un vero e proprio caso di personalità multipla, dato che il suo essere si è scisso permanentemente in Adengard e Orkul, due fratelli, uno nobile e uno mostruoso, perennemente in guerra tra loro.

Segue un elenco delle divinità conosciute con schede dettagliate in via di aggiornamento.

I Cinque Dei delle Origini

Heliosico_helios
Il Signore della Luce è la divinità benigna più venerata nell’Euras.
Aspetti: Albion il Misericordioso, Lethar il Leone Guerriero.

Exusico_exus
Il malvagio Dio Corvo, che governa la morte.
Aspetti: Ravenous il Corvo Predatore, Synister il Mietitore Oscuro.

Shanna
Dea della Natura, la Madre presiede al ciclo naturale di tutte le forme di vita.
Aspetti: Shanna Lumaan, Unumaan il Molteplice

Deir
L’Eterno, detto anche il “fabbro degli dei”, Deir è la divinità razziale dei nani.
Aspetti: Dorin il Padre Forgiatore, Eriadar il Condottiero, Alandra la Madre

Taag
Un tempo Taag era il dio della guerra, ma il suo essere si è scisso in due Aspetti indipendenti e in conflitto che vengono considerati ormai due divinità separate.
Adengard: Aspetto buono di Taag che incarna i valori guerrieri di coraggio, lealtà e onore, venerato soprattutto da soldati, cavalieri e mercenari.
Orkul: Aspetto malvagio di Taag che si contrappone ad Adengard, che esalta il massacro e la distruzione. Si può considerare la divinità razziale degli orchi.

Altre divinità maggiori

Xagash
Spesso chiamato soltanto “Il Dio Cieco”, Xagash è l’incarnazione stessa della distruzione e del vuoto. Non ha Aspetti né chierici.

ico_ishtarIshtar
Dea della Speranza, figlia di  Helios, che donò le Sacra Armature ai Solar e scomparve misteriosamente dopo uno scontro diretto col suo nemico mortale, Xagash.
Aspetti: Ishtar-Naman, Ishtar-Velal, Ishtar-Sigmar

Sen
Dea della magia arcana, è considerata l’incarnazione del Radiant ed è stata l’unica ad aver imposto alcune leggi agli altri dei.

Divinità intermedie e minori

Forge
Dio degli gnomi, patrono dei commercianti e degli artigiani.

Jerlis
L’Azzurra, dea degli oceani e delle creature marine.

Locks
Dio dei ladri e della sorte.

Mesar
Un dio aviano minore che trova seguito soprattutto tra i clan di aviani nomadi.

Phallos
Dio del sesso e del vino. E’ un dio ermafrodito, dotato di un Aspetto maschile e uno femminile, separati ma congiunti. Si ritiene in qualche modo legato a Shanna, forse era un suo Aspetto divenuto indipendente.

Seline
Antica identità della divinità degli elfi Eld, poi mutata in Zanel.

Symarill
Dio degli elfi chiari, venerato soprattutto dalla popolazione di etnia Shyit.

Zanel
Vendicativa cyberdea dei darkeld.

Semidei, angeli, demoni, Eletti ed eroi quasi-divini

Adamantis
Primo Grande Maestro dei Solar, è considerato un messia e una quasi-divinità, con gli altri quattro Grandi Maestri della Leggenda come suoi apostoli.

Korvan
Eletto di Exus vissuto in epoca preistorica, dopo la sua morte ha assunto l’identità dello spettro di Silentwood.

Naariel
Un coraggioso angelo messaggero amico di Adamantis, noto per aver immolato la sua vita allo scopo di intrappolare la Spada dai Sette Occhi nel suo corpo trasformato in pietra.

Raena
Eletta di Helios che durante le Guerre Divine si confrontò con l’Eletto di Exus Korvan.

Vonatar
Attuale Eletto di Exus, questo misterioso necromante è avvolto da un’aura messianica e da poteri che lo hanno reso un semidio vivente.

Xahamut
Anche noto come il “Darkwing”, Xahamut era il generale dei demoni xaeloth che guidava l’invasione di Corown durante la Guerra dei Sette Occhi. Fu sconfitto da Adamantis.

Annunci