Il tour promozionale del 2017

icon-checkbox-checked24-26 febbraio: Mantova Comics

icon-checkbox-checked18-19 marzo: BComics Bastia Umbra

icon-checkbox-checked28 aprile – 1° maggio (escluso sabato 29 aprile): Rita Micozzi sarà all’Artist Alley del Napoli Comicon

icon-checkbox-checked6-7 maggio: Santarcangelo del Fumetto a Santarcangelo di Romagna

icon-checkbox-checked12-14 maggio: Teramocomix

icon-checkbox-checked20-22 maggio: Davide Cencini sarà presente al Salone del Libro di Torino presso lo stand di Plesio Editore

 27-28 maggio: Rovigo Comics

 17-18 giugno: Fecomics

 21-23 luglio: Festa dell’Unicorno a Vinci

Il calendario è in costante aggiornamento, seguiranno altre tappe

Pubblicato in Annunci, Eventi e interviste | Lascia un commento

Dediche da Santarcangelo e Teramo

Alcuni dei volti, e delle dediche, di Santarcangelo e Teramocomix. Siamo ai nastri di partenza per il Salone del Libro di Torino e WE ARE ON FIRE! Ricordatevi, sarò presente (io, Davide Cencini, Rita Mira purtroppo non può venire) da SABATO a LUNEDI’ allo stand di Plesio editore! Giovedì e venerdì niente, ma Dershing sarà comunque in vendita per tutta la fiera allo stand! Non mancate!

Pubblicato in Artwork, Eventi e interviste | Contrassegnato , | Lascia un commento

Nerd Inside – Intervista Davide Cencini

La mia intervista a Radio Greenstage in cui si parla a tutto tondo di Darkwing, Dershing, editoria, ebook e autoproduzione.

Video | Pubblicato il di | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Offerte di Pasqua: 20-30% di sconto sui cartacei

Da qualche giorno è possibile ordinare Darkwing vol. 1 e 2 anche dal nuovo store ufficiale di Pubme a un prezzo vantaggioso.

Per festeggiare l’occasione e augurare buona Pasqua a tutti i nostri lettori, fino a domenica 16 aprile sarà possibile ordinare l’edizione Redux de La Spada dai Sette Occhi e de L’Armata degli Scheletri a un prezzo ridotto del 30% su Pubme!

Anche La Freccia d’Oro è stato aggiornato alla nuova edizione e sempre fino a Pasqua, sarà possibile ordinarlo da Youcanprint con uno sconto del 20% inserendo il codice 848666 al checkout.

Buona Pasqua e… buona lettura!

Pubblicato in Annunci | Contrassegnato | Lascia un commento

La Freccia d’Oro: backstage!

Al momento della pubblicazione di Darkwing vol. 3 – La Freccia d’Oro avevo promesso di raccontare prima o poi qualche retroscena sul travagliato sviluppo di questo episodio, quindi eccomi a voi con un articolo pieno di curiosità inedite: scopriremo insieme come tutto è iniziato, le fasi dello sviluppo della trama, i personaggi recuperati e quelli che invece non ce l’hanno fatta!

darkwing-3-cover-ebook

Sviluppo iniziale della trama

Sono sicuro che l’idea embrionale per La Freccia d’Oro fosse già lì prima di quel fatidico 2005, all’epoca in cui ho steso il primo soggetto completo di Darkwing. In quella bozza pilota, che voglio ricordarlo a tutti era pensata per una serie a fumetti, questo episodio non era nulla di così cruciale come poi sarebbe diventato. (chi si fosse perso l’articolo sulle origini di Darkwing, può recuperarlo qui)

L’idea da cui sono partito era che i protagonisti venissero inviati a difendere le varie città attaccate dall’Armata degli Scheletri, e che Lidia finisse per distinguersi nella battaglia di Deras Lamantir, assediata da uno stormo di draghi neri, durante la quale abbatteva con una freccia il loro capo (che non aveva ancora un nome ma possiamo benissimo immaginare come una versione ancora non del tutto definita di Nashejrazam). I Solar erano pressoché assenti, Peter era altrove e lo stesso concept della freccia d’oro non esisteva ancora. Lo scopo principale dell’episodio era far vivere a Lidia un’avventura in solitario in cui emergesse come eroina senza avere Peter accanto. Non si poteva definire un punto di svolta della serie, tuttavia si trattava di un momento molto “alto”, su cui scrissi perfino un racconto breve, che potete leggere qui (abbiate pietà, è passato tanto tempo!).

brom-inspired lidia test

Un primo esperimento illustrativo su Lidia del 2003 direttamente ispirato a un’illustrazione di Brom (da notare che lei era ancora in versione papera). Probabilmente tutta l’idea de La Freccia d’Oro è partita da qui. Curioso come questo vecchio disegno di Rita fosse del tutto simile all’illustrazione di Antonio De Luca senza che vi sia stato alcuno scambio al riguardo, la somiglianza con la cover infatti è del tutto casuale.

Le cose iniziarono a cambiare quando passai a definire meglio la trama del terzo volume, dopo aver finito di scrivere il secondo, nel 2010. Iniziai a farmi delle domande, tra cui la più importante fu: “Perché mai i Solar dovrebbero permettere a Peter di andare al fronte col rischio che nutra la Spada, o peggio ancora, che si faccia ammazzare e la consegni nelle mani di Vonatar?”

Dopo averci riflettuto parecchio, l’unica risposta che seppi darmi fu: “Non lo farebbero!”, anche se ciò spediva il mio soggetto originale dritto nella spazzatura. Questo mi spinse a una serie di riflessioni profonde che mi portarono a riconsiderare la concezione troppo superficiale della trama che avevo stabilito anni prima, fino a condurmi a una rivelazione importante: i Solar non dovevano per forza essere amici di Peter. Potevano anche diventare suoi avversari, se a un certo punto le cose fossero andate per il verso sbagliato. Nei libri precedenti avevamo visto i Solar schierati dalla parte di Peter, ma comunque sospettosi. Perché non provare a metterli stavolta nel ruolo di suoi persecutori? In fondo, dato che lui è l’araldo del loro più grande nemico, la cosa aveva perfettamente senso!

peter-10Questa riflessione mi ha aperto uno sbocco del tutto nuovo: Peter che diventa un ricercato, un fuggiasco. L’occasione perfetta per sovvertire l’ambientazione allegra e pulita delle origini e calare il tutto in un contesto più duro, militaresco e moralmente ambiguo. Un Guardiano in fuga, fuori controllo e braccato dai suoi stessi amici; un protagonista tormentato che agisce per le sue buone ragioni, ma che nemmeno si trova del tutto dalla parte del giusto. Anche i Solar, infatti, erano più che giustificati nel dargli la caccia, per non parlare del dilemma che avrebbero affrontato Lidia, Tom e Lyse, i suoi amici più affezionati da sempre. Si trattava di un sovvertimento importante dell’equilibrio raggiunto nei primi due libri, che offriva una svolta inaspettata e permetteva di sviluppare tutti i personaggi in una nuova direzione. Strappare Peter al suo entourage fatto di una folla di personaggi che lo supportavano per gettarlo in mezzo alla guerra, tormentato dai sensi di colpa, in un contesto di degrado e pieno di persone che non si curavano affatto del suo benessere, era il modo perfetto per rimettere in discussione le basi del protagonista e farne qualcosa di nuovo, che non ripetesse lo schema dell’eroe scanzonato e pieno di amici dei primi due episodi.

Come gestire questa transizione, però, era un altro paio di maniche.

Nel terzo libro volevo dare più spazio ai comprimari, in particolare ai Solar, e far vedere come se la cavavano Lidia, Tom e Lyse in solitario, senza Peter a dar loro una direzione. Il tutto senza tralasciare di sviluppare i cattivi. Avevo un contesto in cui si muovevano molti elementi, le idee non mi mancavano, il difficile era farle collimare, plasmarle in qualcosa che non fosse un gigantesco mappazzone ma un insieme coerente: una storia epica con un inizio, uno svolgimento e una fine.

Iniziai a buttar giù alcune scene-chiave slegate tra loro, senza preoccuparmi subito di collegarle. Sul momento non m’importava, avevo bisogno più che altro di fare ordine mentale, avrei eseguito una cernita del materiale più valido in un secondo momento. Infatti, quasi tutti i miei appunti iniziali ho finito per scartarli o modificarli a fondo, ma è stato importante scriverli per tirare fuori le idee e capire cosa era davvero utile e cosa andava eliminato. E facendo questo lavoro mi accorsi che c’erano dei vuoti enormi. Continua a leggere

Pubblicato in Articoli e approfondimenti, Guide scrittura | Contrassegnato | Lascia un commento

Gli autori a Bastia Umbra

Il 18 e il 19 maggio ci troverete all’evento BComics di Bastia Umbria (PG)!

b

Saremo insieme a Plesio Editore, con Darkwing e Dershing. Vi aspettiamo, non mancate!

 

Pubblicato in Eventi e interviste | Contrassegnato | Lascia un commento

Intervista su SEMEPI

domenica

Il blog SEMEPI – Sostieni Editori Piccoli e Medi Italiani ha pubblicato un’intervista in quattro parti a Davide Cencini e Rita Micozzi in cui parliamo a tutto tondo di Darkwing, Dershing, illustrazione, editoria e fantasy. Sono saltate fuori molte cose inedite e interessanti per chi è curioso di scoprire la storia dietro i nostri libri, come sono strutturati e per chi vuole capire meglio quello che cerchiamo di esprimere. Ad esempio, sapevate che Dershing è stato progettato a partire dalla fine e sviluppato a ritroso? Si parla un po’ anche dei piani per il futuro.
Ci è piaciuto molto rilasciarla e ci auguriamo che vogliate darci uno sguardo!

Parte 1: I Libri | Parte 2: Illustrazione | Parte 3: Fiere del Libro e del Fumetto | Parte 4: Il Fantasy

Pubblicato in Eventi e interviste | Contrassegnato , | 1 commento

Darkwing Redux in distribuzione

Vi comunichiamo che l’edizione Redux di Darkwing vol. 1 e 2 è acquistabile presso tutti i principali rivenditori.

darkwing-1-cover-ebook darkwing-2-cover-ebook

Abbiamo aggiornato le relative pagine del negozio con tutti i link da cui è possibile acquistare online la nuova edizione, disponibile sia in cartaceo che in ebook. Sono stati aggiornati anche i link di tutti gli altri prodotti, dato che i nostri libri sono comparsi su molti nuovi store!

Per chi preferisce acquistare nelle librerie fisiche, qui troverete un elenco di librerie servite da PubMe.

Vi ricordiamo che qui potete trovare il changelog dei cambiamenti nella nuova edizione e che i possessori dell’edizione Ute Libri che desiderino aggiornare alla Redux hanno diritto a delle agevolazioni.

Anche Dershing: Gli Ultimi Draghi, pubblicato da Plesio Editore, è entrato in distribuzione. Clicca qui per andare al sito ufficiale.

Pubblicato in Annunci | Contrassegnato | Lascia un commento

Intervista su Capo Nerd

“Per me la scrittura è un modo per esprimere me stesso. Sono una persona che parla poco di sé, preferisco comunicare le mie idee e i miei sentimenti attraverso i miei libri”

La mia intervista su Capo Nerd Blog.

Pubblicato in Eventi e interviste | Contrassegnato | Lascia un commento

Darkwing Redux, i cambiamenti nella nuova edizione

Come molti di voi già sapranno, da inizio 2017 la saga di Darkwing è tornata ad essere un progetto al 100% indipendente, dopo il distacco da Ute Libri che ha cessato di esistere come editore a sé.

La distribuzione via internet verrà presto riattivata su tutti i principali circuiti di vendita, tuttavia i libri che troverete online da marzo NON SARANNO gli stessi che sono usciti con Ute… non del tutto, almeno! Infatti, abbiamo approfittato di questa occasione per rieditarli da cima a fondo.

Le nuove versioni Redux si propongono come un’edizione restaurata di Darkwing, grazie all’esperienza maturata negli ultimi quattro anni. Sin dal suo esordio la serie ha ricevuto un vasto apprezzamento, tuttavia abbiamo preso nota anche dei difetti che ci sono stati segnalati e abbiamo compiuto un lavoro approfondito per cercare di eliminarli, tornando a lavorare sul testo riga per riga… e parliamo di quasi 2000 pagine!

Cosa troverete, quindi, nella nuova edizione? I cambiamenti sono centinaia, e vanno da correzioni minori a modifiche di grossa entità.

In generale, i miglioramenti hanno riguardato la correzione di refusi, la qualità del lessico e della grammatica, l’eliminazione delle ripetizioni, una gestione più corretta dei punti di vista, interventi per incastrare meglio i libri tra loro, qualità dei dialoghi e via dicendo.

Non si tratta però di un mero aggiornamento tecnico. Ci sono intere scene aggiunte, sintetizzate o rimaneggiate. Una vera e propria riscrittura parziale, quindi, mirata a elevare il profilo stilistico del testo e ad aggiungere nuovi elementi alla trama.

La grafica dei tre libri è stata uniformata sul modello del terzo volume, con una dimensione del testo omogenea (tra i 9,5 e i 10 pt), l’inserimento della cartina all’inizio e un nuovo font di copertina. Per finire, i libri sono stati rimpaginati, ripristinando la suddivisione originale in scene numerate e titolate che era stata eliminata da Ute e formattando i capitoli tutti nello stesso modo.

Chi ha già acquistato l’edizione Ute e desidera passare alla nuova versione potrà ottenerla facilmente e con forti agevolazioni. In fondo a questo post le istruzioni su come farne richiesta.

Di seguito il changelog completo della nuova edizione (ovviamente da leggere solo per chi già conosce i libri, per tutti gli altri SPOILER ALERT!). Continua a leggere

Pubblicato in Annunci, Articoli e approfondimenti | Contrassegnato | Lascia un commento