I have watched through all of She-Ra’s cartoon, and I came out just as disturbed as I was before. Only, not for the reasons I thought.

SPOILER WARNING: The following contains spoilers for Netflix’s She-Ra and the Princesses of Power.

she-ra locandina.jpg

Sad short story.

  • Step 1: Netflix-Dreamworks create a remake of the old and glorious She-Ra tv show from the ‘80s, changing completely the style and inserting gay themes.
  • Step 2: the Internet explodes.

I must confess I wasn’t too happy about this makeover either. I grew up with The Masters of the Universe and I was accustomed to think of it as a certain type of product; these characters are part of my childhood, and to see them reinvented to this extent was something of a shock. The idea of forcing gay or lesbian relationships in a show that wasn’t originally meant for that felt just as disturbing.

Netflix-Dreamworks-She-Ra.jpg

But why? After all, we should all be accustomed to such themes by now. Considering it’s hard nowadays to find a single movie or series that doesn’t feature some kind of homosexual character or relationship, this has become a very persistent matter in modern shows. Perhaps we see it as something that belongs into the world of adults, and it bothers us to see it transpire into kids’ shows, which is a cultural change that should rightfully at least be discussed. Or perhaps we’re just a bunch of hypocrites – approving homosexuality in public, yet feeling disturbed by it in our private, or when we see it on television. So that begs the question, are we all biased after all? Are we all cowards?

Personally, I’ve never felt homophobic. My readers and friends can tell you that. While it’s not in my nature, I’ve always thought anyone should be respected for what he or she is, and I treat my gay friends no different than the others. There are gay and lesbian characters in my books, too – not because some network policy forced me to put them in there to grab some market share, just because I’m more interested in talking about love rather than the form it takes – and I’ve even written a gamebook where you can freely play your sexual alignment. I was thrilled by the lesbian twist at the end of Legend of Korra because it felt like a sensed development of the characters of Korra and Asami. I’ve also deeply enjoyed all of Steven Universe, that was the first show to extensively portray female-to-female love in a very romantic kind of manner. And I found it breathtaking. Because love it was.

So, biased as an average heterosexual guy can be, I’m not the kind of person you could consider a hater. Yet, ever since I’ve tried to comment on She-Ra, I have been repeatedly attacked, insulted and unfriended on social networks both by contacts and perfect strangers, just for having an opinion in the matter that doesn’t necessarily align with the mass. People are reacting harshly, blind to any legitimate criticism on what it’s supposed to be a show for kids, because it has adopted some hot topics that are not open for debate. Thus, if you disagree with any of the artistic choices that were made, that automatically makes you a homophobic jerk. Wow. Nice to see how free-thought always has to go the way the wind goes.

Critics said, for example, that this new She-Ra looks like a “boyish lesbian”. I can’t help but agree with that statement. She’s a tank and her anatomy’s that of a two-and-a-half meter tall boy with overly long hair and a semi-feminine voice. Also I honestly despise her ridiculous tennis shorts.

first-teaser-trailer-for-netflix

There is just no comparing her to the original She-Ra in terms of aesthetics and proportions. They could have easily found a halfway across that would have been both non-objectifying AND pleasing for all audiences, but it seems the creators of the show pushed the boundaries of making She-Ra as masculine as possible to show that she “is strong”, like she needs to resemble a man to make people understand she’s a female lead and she being feminine is a bad thing.

She-Ra_comparison

By Source (WP:NFCC#4), Fair use

But let’s skim over the questionable character design choices and have a deep look at the show itself.

When I seated in front of the tv, I really needed to get She-Ra out of my system. This show has been haunting me since I saw the first promos. My perception of it was more of a manifesto making a statement rather than some adventure cartoon I could simply enjoy. Yet I did my best to keep an open mind, and judge it without any biases whatsoever. I just tried to be both a watcher and a critic.

After I let a few episodes play, I don’t know which of the two was more ticked off. The feeling of the show went from cool to disappointing, to moments of actual fun, to meh, to awkward, to boredom, to times when I felt genuinely creeped out. All of this rolled into a dazing trip of rainbow colors and talking alicorns, bathed in a plentiful sauce of feminine teen drama.

Glimmer__Bow_and_Adora.jpg

I found out that the criticism on the LGBTQ themes was useless, because the show is missing out on some far more important elements that put the rest in the backyard.

Mainly, it’s very thin.

Instead of an epic battle between the evil forces of the Horde and a group of brave rebels led by a strong heroine, what we have here is a bland, harmless comedy where you rarely feel any danger or pressure at all.

The conflict with the Horde is pretty much an excuse for putting on stage a persistent teen drama between Adora and Catra, who form the only relationship that has some punch to it in the whole show. Fights between hordes and rebels feel more like roleplay than actual conflict. The bad guys are sketchy at best (when not plain silly), they don’t make you afraid by any chance, this so-called war has barely any drama to it whatsoever, Hordak himself rarely appears throughout the whole series and doesn’t do anything except approve Catra making weapons of mass destruction behind his back. The Shadow Weaver is a total waste of a good character because she barks but does not really bite. Catra’s the only villain who’s actually trying, but in the end everyone seems more worried about who’s friends with who rather than the (un)impending fate of Etheria. The princesses’ kingdoms are a joke; they’re supposed to be at war with Hordak, but everything on the land seems totally cool – no poverty, no oppression, no strong menace except for the occasional skirmish with a bunch of cadets. Alliances between kingdoms are not about breaking sieges or shifts of power but personal friendships – nothing taken seriously there, too. And where is everyone anyway? Every place they visit seems terribly empty, there are just a few princesses here and there, the only mass scenes are on the first episode and during the party in ice land. Even in the final battle between Brightmoon and the Horde, aside from a few tanks, there is NO ONE to fight except the main characters, not even Angella’s guards! Etheria is unpopulated. Like, totally.

brightmoon

While She-Ra delivers some stunning fantasy visuals of Etheria, the whole planet feels quite unpopulated and the conflict with Hordak virtually non-existent.

If She-Ra’s quest against Hordak is generally relaxed, some other things are just plain irritating. And here we return to the LG themes and how they were handled.

Every single relationship in this show is kind of messed up. We have two princesses that clearly are in love with each other, who seem to form the only happy and stable couple in the whole story, but their relationship is barely scratched. Adora and Catra are friend-enemies. Mothers (Angella, Shadow Weaver) are natural enemies of their daughters. Glimmer is always in conflict with her mother Angella, who acts like a bitch for the sake of it, like putting her teen daughter in charge, then scolding her in the council for actually trying to achieve any goal. Glimmer on her side doesn’t trust her own mother to tell her that she’s sick after she’s been abducted and tortured by the Shadow Weaver, which means even positive adult figures here are perceived as antagonists and have no authority or credibility. And Bow is constantly acting like everyone’s loving friend, going into the rooms of Glimmer and Adora to chit-chat and have slumber parties. Or bromancing the Sea Falcon. Which kinda would have made sense. Yeeesh.

she-ra-netflix-1200x675.jpg

Yes, because did I mention that every male character in this show (there are only three if we exclude Hordak and the lizard guy) is either portrayed as comic relief, a complete moron or exhibiting ambiguous behavior. Bow doesn’t do anything of his own except be supportive of the lead female characters. Talk about female characters confined to a support role with no development of their own.

The part that freaked me out most was when Bow asked the plant princess to the ice dance. Aside from these two characters having no chemistry or backstory between them, I felt pretty shocked that Glimmer finds them being together unacceptable, not because she’s jealous of Bow as a boy she likes (which would have felt like a sensible reason), but because she’s being possessive of him as a friend and she doesn’t want him to go out with a girl. That is so messed up, guys! And that argument goes on for several episodes. Also, there is a lot of teasing involved in having Catra and Scorpia go together to the dance as a couple, with Catra being “the man”. Everything is just so allusive but not in a way that feels really right or fun or pleasing, more like an embarrassing fan fiction.

Screen_Shot_2018_11_14_at_10.13.44_AM.png

At this point I realized that what bothers me about this show is not at all the presence of gay relationships but the absence of any kind of actual romance underneath all the teasing. In fact, aside from the rivalry between Adora and Catra, every other relationship is very superficial. While the portraying of relationships is intoxicating in the show, we never feel the sentiment of love or attraction forming between any of the characters – either straight or else. Romantic tension doesn’t exist. If something, there is this eerie feeling of futile teen obsessions for friends, unhealthy jealousy and an all-around gender teasing that managed to make me feel unnerved and unsatisfied.

The creators of She-Ra could have easily made a more balanced product, but instead they made a point of pushing boundaries and sexually teasing the audience with something that only looks revolutionary, but it’s actually a huge step backwards in portraying a truly sane and open-minded world of relationships between characters of any sexual orientation. Change is necessary in a society, most of us agree on that. But when you force it, you will only get resistance from the general public. Especially when you hit on a traditional and beloved icon that gets twisted in the process.

You might think at this point that She-Ra is just a cartoon and I’m taking my argument too far, but I’m not so sure about that. Cartoons are important because they form the mass culture of younger generations. Kids watch this stuff and learn, absorb, imitate. They need role models to help them find their own role in real life. This is why we need cartoons to positively show things such as romancing in any form. Instead, many shows today are made to be as harmless as possible, removing all plausible sensuality, tragedy or actual danger from the equation. When you take away from the kids the right to make an effort to understand things that are difficult or challenging, you’re not giving them the tools to handle those situations when they involve them. As a result, young people can’t handle love turn downs, or scares, or failures. They come out of their childhood loaded with power fantasies, unprepared for the harshness of the real world, and the moment they hit a wall they naturally react with rage and disconcert, because they were promised they weren’t gonna have to face real problems and they have to.

So it’s not the missing boobs I’m complaining about, or the gay stuff, or the graphic style of the series, which I actually found nice and enjoyable with a few downs. It’s the missed opportunity for making a really powerful show instead of a shallow one. Steven Universe nailed it; She-Ra didn’t. Sorry guys, that’s just what I think.

She-Ra-and-The-Princesses-of-Power-Netflix.jpg

Annunci
Pubblicato in Articoli e approfondimenti | Contrassegnato , | Lascia un commento

Darkwing e Dershing, le prossime uscite

A beneficio dei molti che in fiera e via Facebook mi chiedono ragguagli sulle date di uscita dei nostri prossimi libri, ecco qualche aggiornamento sulla road map che ci aspetta da qui al 2020.

Prima di tutto un veloce bilancio: dal 2016 al 2018 abbiamo pubblicato davvero un sacco di titoli, ve ne siete accorti? ❤ All’inizio del 2016 sono usciti Dershing: Gli Ultimi Draghi e l’edizione Redux di Darkwing 1 e 2. Alla fine dello stesso anno escono tutti insieme La Freccia d’Oro (terzo capitolo della saga), lo special a fumetti L’Assedio e il nostro primo titolo per ragazzi, Tutto per un Drago di Legno. Quindi, nel 2017, i due DLC di Darkwing: Dal Tramonto all’Alba e Terrore dagli Abissi. Quest’anno infine abbiamo aperto un nuovo filone narrativo con il librogame La Caccia. Sono ben sei nuovi titoli in meno di tre anni, otto se contiamo fumetti e Manuale di Gioco! Quindi sì, lo ammetto, sono un po’ stanco, di certo non mi si può accusare di battere la fiacca. 😉

“Boni n’attimo.”

Comunque, visto che chi si ferma è perduto, vi posso già anticipare delle date di uscita INDICATIVE per i nostri prossimi titoli.

In cima alla lista c’è L’Ultima Dershing, secondo e (per ora) ultimo capitolo della saga dei draghi acclamata dalla critica. Il libro riprenderà le fila della trama de Gli Ultimi Draghi 18 anni dopo la conclusione del precedente capitolo, narrando la storia dell’ultima dershing Ros Mer, ormai diventata grande e prossima a un matrimonio dinastico con il principe Clayblood combinato tra i due fin dalla nascita. Se non che il perfido Neebia è ancora in agguato e di certo non lascerà che i due giovani sposi affrontino serenamente questo momento fatidico.

Per ora non svelerò altri dettagli sulla trama, se non che il romanzo riprenderà i personaggi del cinico topo-mago Scresah, del guerriero serpente Sersyde e del custode di pietra Akkar. Come anticipato il villain centrale sarà nuovamente Neebia che nel frattempo è diventato così potente da sembrare imbattibile. Il nostro obbiettivo dichiarato è portare L’Ultima Dershing con Plesio Editore a Lucca Comics 2019. Sarà ovviamente un difficile impegno visto che la stesura è appena all’inizio, ma crediamo molto in questo universo narrativo e daremo il massimo per offrire alla saga dei draghi marchesiani una degna conclusione. Ovviamente, anche questo secondo volume sarà impreziosito dalle illustrazioni di Rita Micozzi, come il precedente.

C’è l’idea di realizzare anche un DLC che colleghi meglio i due libri, ma per ora NON vi posso confermare nulla su questo extra, nemmeno se verrà realizzato: dipenderà soprattutto da come si riuscirà a incastrare con le scadenze.

Appena concluso il lavoro su Dershing potrò dedicarmi appieno a Darkwing 4 di cui – rullo di tamburi – vi svelerò il titolo (provvisorio) in anteprima: Ai Cancelli di Vraag. Già da qui si capisce che il teatro dell’azione si sposterà verso Greyven, dove il crudele usurpatore Ragnar attende i nostri eroi per la resa dei conti. Su tutto incombono il mistero del vero fato del legittimo sovrano di Greyven, Vonatar, e le sorti dell’intero conflitto tra i due regni.

undead-title

Teaser della cover di Darkwing 4

Ai Cancelli di Vraag concluderà ufficialmente la prima serie di Darkwing chiudendo l’arco narrativo della guerra con Greyven. Si tratterà quindi di un vero e proprio punto di arrivo, a partire dal quale l’intera saga prenderà una nuova direzione. Sarà un libro epico, spettacolare e complesso, diviso in vari filoni come il precedente, anche se meno intricato de La Freccia d’Oro, la narrazione infatti risulterà più lineare perché non avrà bisogno dei continui flashback che hanno caratterizzato il terzo capitolo.

Purtroppo i vari special di Darkwing mi hanno tenuto impegnato a lungo e i lavori su questo libro sono finora rimasti fermi al prologo, dunque di sicuro Darkwing 4 non vedrà la luce almeno per altri due anni. La data di uscita a cui puntiamo è Lucca 2020 ma a seconda di come si evolverà la situazione, potrebbe slittare anche al 2021.

Che ne sarà invece del filone dei librogame? Ecco, questa è la domanda più complessa a cui dare una risposta al momento.

Quella del librogame è stata una scommessa che finora può considerarsi non vinta, ma stravinta. Le avventure di Wyvern hanno avuto un lancio che ha superato tutti i precedenti record di vendita e le prime recensioni che ci stanno arrivando tramite Amazon e la pagina Facebook confermano senza dubbio grande entusiasmo e una forte approvazione generale dei lettori nei confronti dell’opera. Ragion per cui ci piacerebbe lanciare un secondo capitolo già alla prossima Lucca. Il problema è che… non c’è abbastanza Cencini per far tutto ^_^;. In teoria infatti il nuovo capitolo del librogame dovrebbe affiancarsi a Darkwing 4, ma nessuno (tantomeno noi) vuole aspettare tre anni per proseguire la serie dei librogame. Quindi, per la prima volta, stiamo ragionando sulla possibilità di inserire un co-autore che mi affianchi nello sviluppo della nuova collana. Vi daremo notizie al riguardo nei prossimi mesi.

elrond need more men

Contemporaneamente stiamo vagliando anche la possibilità di iniziare a tradurre i libri in altre lingue per espanderci nei mercati esteri. Gli scenari sono molti e mutevoli, per il momento è difficile fare previsioni più a lungo termine; quel che è certo è che l’universo di Darkwing sta attraversando una fase di forte espansione che lo porterà a svilupparsi sempre di più attraverso dei progetti collaterali. Un impegno che spaventa un po’, ma col vostro sostegno, tutto diventa possibile. 🙂

Pubblicato in Annunci | 1 commento

Il cosplay di Lidia di Erica Barchiesi

Modella: Erica Barchiesi | Fotografa: Giorgia Cingolani PH. Lucca 2018. Tutti i diritti riservati.

Darkwing & Dershing OFFICIAL Cosplay Italia

Pubblicato in Artwork | Contrassegnato , | Lascia un commento

Librogame di Darkwing e distribuzione

Salve amici, un veloce aggiornamento sulla distribuzione dei nuovi titoli della serie.

La Caccia è ora ordinabile presso Amazon, Ibs, Giunti, Feltrinelli. Il titolo è disponibile anche su Unilibro, tuttavia da quest’ultimo store ne sconsigliamo l’acquisto poiché, per ragioni a noi ancora sconosciute e del tutto indipendenti dalla nostra volontà, viene applicato un sovrapprezzo di ben €10 sia al librogame che al Manuale di Gioco rispetto agli altri rivenditori. Stiamo cercando di risolvere il problema con Streetlib, intanto il titolo è disponibile a un prezzo normale (e in alcuni casi leggermente scontato) sugli altri store succitati.

Il Manuale, invece, ha subito un ritardo a causa di un respingimento di Amazon legato alla formattazione della copertina, tuttavia contiamo di risolvere entro una-due settimane massimo quindi prima di fine novembre. Intanto è già uscita la prima patch 1.01 del regolamento che risolve un’omissione riguardante le ferite gravi; potete scaricare il Manuale aggiornato in versione digitale dalla sezione Gamebook. La versione che andrà in distribuzione integrerà questo aggiornamento.

Pubblicato in Annunci | Contrassegnato | Lascia un commento

Intervista su “La Caccia” di Inchiostronoir

“Oltre a tutte le cose già dette, c’è un elemento che ho voluto a tutti i costi evitare: dare ai librogame lo stesso protagonista dei romanzi.”

Il blog Inchiostronoir di Yannick ha dedicato negli ultimi giorni due begli articoli a Darkwing.
Qui l’introduzione alla serie, che tutti voi conoscete già:
https://inchiostronoir.wordpress.com/…/darkwing-il-fantasy…/

Il secondo, che consiglio in particolare a chi vuole saperne di più, è una mia intervista che si sofferma sulle ispirazioni da cui è nato Darkwing, sullo sviluppo de La Caccia e in particolare sulle suggestioni derivate da Lupo Solitario di cui sono grande fan. Rivela parecchi dettagli nuovi di cui finora non avevo mai parlato e anche dei punti di contrasto con uno dei miei autori preferiti:
https://inchiostronoir.wordpress.com/…/intervista-a-davide…/

Pubblicato in Eventi e interviste | Contrassegnato | Lascia un commento

La Caccia – Introduzione (video)

Video | Pubblicato il di | Contrassegnato , | Lascia un commento

E’ disponibile l’edizione digitale del Manuale di Gioco

Manuale fronte

Nella sezione Gamebook è ora disponibile per il download gratuito l’edizione digitale del Manuale di Gioco.

Potete usare questo manuale per giocare il romanzo interattivo La Caccia – che sarà in distribuzione tra pochi giorni – in modalità completa. Qui le differenze tra il regolamento incluso nel librogame e la modalità completa.

Vi ricordiamo che a Lucca Comics sarà in vendita presso il nostro stand l’edizione cartacea a colori del Manuale che avrà un prezzo al pubblico di €12 per 150 pagine. Allora, siete pronti a iniziare?

Pubblicato in Annunci | Contrassegnato | Lascia un commento

Dove trovarci a Lucca Games 2018

CAR175.PC9

Immagine | Pubblicato il di | Contrassegnato , | Lascia un commento

“La Caccia” sarà giocabile in due diverse modalità

Con i lavori del librogame finalmente conclusi, torniamo da voi con un nuovo aggiornamento.

Per prima cosa, vi confermiamo la data del lancio: La Caccia verrà presentato a Lucca Comics a fine ottobre. Ci troverete ancora una volta in AREA GAMES, presso lo stand di Plesio Editore, stand CAR 175. Per intenderci sul lato del padiglione che da’ sulla strada, affacciati proprio sul primo ingresso verso i bagni e l’area ristoro.

Rispetto a quanto annunciato in precedenza, durante la fase di sviluppo il progetto ha subito alcuni cambiamenti importanti, che riguardano soprattutto il numero di pagine (salito a 430 dalle 350 annunciate), e il sistema di gioco.

La Caccia sarà infatti giocabile in due diverse modalità: rapida e completa.

Se giocato in modalità rapida, il librogame sfrutterà un set di statistiche ridotto e offrirà un’esperienza di gioco semplice e veloce. Saranno comunque disponibili dei poteri Radiant da assegnare a Wyvern, ma il combattimento sarà più “da librogame”, per permettere ai giocatori meno inclini alle statistiche di concentrarsi sullo svolgimento della storia. Tutto verrà gestito con l’ausilio del solo dado a sei facce. Le regole per giocare in modalità rapida saranno incluse nel librogame, pertanto chi sceglie questo approccio avrà comunque in mano un prodotto pienamente godibile senza bisogno di acquistare altro materiale.

cover manuale darkwing

La modalità completa, invece, è rivolta ai giocatori un po’ più esperti, che desiderano un’esperienza comparabile a quella di un gioco di ruolo. Richiederà l’uso di un manualetto separato, oltre a tre tipi diversi di dado (d4, d6 e d8). Alcune feature annunciate in precedenza – sistema di esperienza basato sull’uso reale delle abilità, gestione completa delle armi e del terreno di scontro, pieno accesso alle tecniche Radiant e ai modificatori razziali – sono state spostate nel manualetto “expert”, che potrà essere acquistato in fiera al prezzo di €12 o scaricato gratuitamente dal sito ufficiale in versione digitale. Sarà quindi possibile provare il regolamento completo senza bisogno di acquistarlo in versione cartacea. Il librogame, invece, avrà un prezzo di copertina fissato a €18 in fiera e €19.99 in distribuzione, e supporterà entrambe le modalità.

Abbiamo compiuto questa scelta nell’interesse dei lettori, per lasciare a ciascuno la piena libertà di adottare lo stile di gioco che più gli si addice. Chi desidera una lettura senza troppi pensieri avrà tra le mani un gioco accessibile acquistando il solo romanzo, mentre i più esigenti non dovranno rinunciare alle possibilità offerte dal sistema di combattimento e potranno impegnarsi in scontri più strategici usando il regolamento completo. Chi vuole contribuire, inoltre, potrà inviare i propri suggerimenti ed eventuali segnalazioni di bug agli sviluppatori tramite il sito o la pagina Facebook.

Ci teniamo a sottolineare che l’impianto di roleplaying di cui si è parlato in un precedente post – sistema di stima, imprese, denaro, navigazione e inventario – non cambierà qualunque sia la modalità scelta dal giocatore, a essere influenzate saranno soltanto le statistiche di combattimento. In entrambi i casi sarà possibile scegliere la razza e il sesso di Wyvern e ottenere la maggior parte delle ricompense. Di seguito una comparazione delle principali caratteristiche delle due modalità di gioco!

differenze-modalita-librogame

Sempre parlando di ricompense, segnaliamo altre due novità di cui finora non si era parlato: l’avventura conterrà degli oggetti speciali chiamati Souvenir che Wyvern potrà collezionare a coronamento della propria campagna. Inoltre, se nel corso del libro saranno state completate certe combinazioni di eventi e medaglie, al termine della campagna si otterranno in premio dei nuovi talenti o delle versioni avanzate degli stessi. Vi ricordiamo che a differenza delle abilità Radiant, che vengono potenziate tramite il combattimento, i talenti costituiscono lo “skill set” di Wyvern e per potenziarli non ci sarà altro modo che interpretare a fondo il proprio personaggio.

recap gray

“Il Talashar conta su di te, Wyvern. Trova il Guardiano prima che lo faccia il nemico, o il mondo intero sarà in pericolo.”

Il comparto illustrativo, curato interamente da Rita Micozzi (con la sola eccezione della copertina il cui merito va al bravissimo Andrea Piparo) conterrà 12 illustrazioni a tutta pagina e vari disegni inclusi nella guida. Ecco una piccola anteprima!

illustrazioni-la-caccia

Abbiamo inoltre inaugurato qui su worldofdarkwing.com una nuova sezione Gamebook che d’ora in poi raccoglierà tutto quello che riguarda la linea dei librigioco: questo includerà la guida scaricabile in digitale con gli aggiornamenti alle regole, eventuali DLC, guide al gioco e anteprime!

In molti, infine, ci hanno chiesto sui social dove potranno trovare il titolo dopo Lucca. La Caccia e il relativo Manuale di Gioco saranno reperibili presso tutti i maggiori rivenditori online (Amazon, Ibs e così via) e presso alcune fumetterie e librerie selezionate di cui vi daremo nota, oltre che a tutti gli eventi fieristici a cui parteciperemo. La distribuzione riguarderà per il momento solo il formato cartaceo, mentre per il digitale restano ancora diversi aspetti da valutare.

Allora, siete pronti a prendere il manto del Talashar e a entrare nel mondo di Corown? Vi aspettiamo a Lucca Comics!

LUCCA LIBROGAME

Pubblicato in Annunci, Articoli e approfondimenti, Artwork, Eventi e interviste | Contrassegnato , | Lascia un commento

Darkwing the Soundtrack – aperti i preordini

Cari amici, vi comunico che sono aperti i preordini per l’album musicale ispirato a Darkwing. E’ possibile preordinare direttamente sul sito di Age of Chronicles tramite il modulo sulla destra.
 
Vi ricordo come funziona. Per realizzare l’album dobbiamo raggiungere una cinquantina di preordini. Il preordine non richiede il pagamento immediato ma costituisce solo una promessa di acquisto, quindi non rischiate in alcun modo di perdere i vostri soldi se decidete di acquistare in anticipo. Produzione e spedizione della colonna sonora sono gestite interamente da Age of Chronicles, il contributo di noi autori in questo caso è puramente artistico, quindi per qualsiasi questione commerciale occorre rivolgersi ad Age.
 
L’album vi verrà poi consegnato nella forma da voi scelta che sia essa digitale (costo €9,99) o fisica (€14,00) in quest’ultimo caso con l’aggiunta delle spese di spedizione.
 
Se riusciamo a fare tutto entro Lucca potremo offrirvi anche il ritiro del CD al nostro stand con l’aggiunta di un piccolo sovrapprezzo (€3) equivalente più o meno alle spese di spedizione, in tal caso però potrete anche parlare con noi e ricevere se volete una piccola dedica sull’album. 🙂
 
Noi autori non percepiamo diritti d’autore sulle vendite della colonna sonora in quanto Age presta gratuitamente la propria opera agli autori che sceglie. I nostri unici introiti provengono dalle copie vendute in fiera, dunque si tratta di un progetto realizzato soprattutto per passione nei confronti della saga di Darkwing. Se verrà portato a compimento potrebbe aprire la strada anche a un altro album o una uguale iniziativa su Dershing.
 
Ecco la lista delle tracce che abbiamo deciso di inserire nell’album, dobbiamo ancora decidere i titoli esatti:
 
– Tema di apertura di Darkwing (la musica del trailer in allegato)
– Il Risveglio della Spada (battaglia contro il Teraskar e nascita di Darkwing)
– L’Addestramento di Peter
– Tema d’amore di Lyse
– Attraverso Silentwood
– La Sagra del Karzellod
– Benvenuti a Vraag (tema dei cattivi)
– La battaglia di Nind contro i wolfkahn
– Sulla via del Radiant (arrivo a Solenor/tema dei Solar)
– Peter contro Vonatar (lo scontro durante il sacco di Candral)
– Inno di Greyven di Ashadi cantato da Jessica Maldini
Pubblicato in Artwork | Contrassegnato | Lascia un commento